marginalità

Ridefinire la marginalità per incrementare gli stipendi

Postato il

La media delle retribuzioni in Italia è indiscutibilmente inferiore a quella europea, i motivi che hanno portato a questa differenziazione sono molteplici, ed in alcuni casi anche giustificati da una minore produttività rispetto ad altri.

Non entrando nel merito delle cause che hanno portato a questa difficile situazione, è necessario ripensare ad un sistema in grado di riportare gli  stipendi ad un livello maggiore consentendo anche ai profili professionali più deboli di condurre una vita più sostenibile.

La crisi internazionale di questi anni ha sicuramente procurato una scrematura tra le imprese solide e proiettate in un contesto competitivo globale, e le imprese che fino a qualche anno fa sopravvivevano solamente per una posizione acquisita.

Mi riferisco quindi a tutte le imprese più forti (o più stabili), sia di grande che di medie dimensioni, invitando ad una serie riflessione sul concetto generale di marginalità o di ricavo.

In questo contesto competitivo difficile, occorre coniugare un maggior coraggio in politiche di reale responsabilità d’impresa a partire dallo stakeholder più importante: il lavoratore.

Se l’ottica d’impresa di questi ultimi 5 anni ha spostato l’attenzione su costi per riuscire ad incrementare la marginalità, è forse opportuno ripensare a questo concetto di marginalità. Leggi il seguito di questo post »

Frutta o caramelle?

Postato il Aggiornato il

Ilse Aigner ministro tedesco delle politiche Agricole e Alimentari e della tutela del Consumatore ha proposto di sostituire caramelle e cioccolatini solitamente posizionate presso le casse degli iper e supermercati con appetitose porzioni di frutta. La proposta si inserisce nell’ottica di educare soprattutto i giovani ad un consumo maggiormente responsabile di frutta e di verdura contribuendo ad una maggiore educazione alimentare. Questa proposta consente di affrontare un’altra riflessione, legata al layout di un punto vendita,  dove in questo caso si premierebbe una scelta  più responsabile che non solo commerciale. Quanti sarebbero i genitori disposti a servirsi in un supermercato in cui fosse presenta una simile disposizione? Anche la scelta del layout può essere espressione di responsabilità sociale, con un limite, quello di non discriminare o demonizzare determinati prodotti che è normale che continuino ad essere esposti.  Adottare un layout simile potrebbe rappresentare un’opportunità per portare la CSR all’esterno delle aziende, diventando un gesto facilmente comprensibile e utile ad un vasto numero di famiglie, forse a discapito solo marginale e solo nel breve periodo del margine d’impresa.