Cambiare verso: aumentare gli stipendi agli statali

Postato il Aggiornato il

perfomance manageentNon vorrei creare entusiasmo o essere considerato un rivoluzionario, al contrario questo titolo vuole affrontare un tema attuale quanto necessario relativo alla riforma anche manageriale della pubblica amministrazione.

Il problema relativo al blocco degli stipendi della pubblica amministrazione, non è una soluzione ne tanto meno una reale riforma, si tratta di mantenere uno status quo senza causare troppi danni.

La vera riforma è trasformare la pubblica amministrazione introducendo semplici meccanismi estremamente collaudati in altri settori, primo tra tutti quello profit.

L’equivoco che per anni ha contraddistinto il modo di gestire la pubblica amministrazione è stato quello di assumere modelli differenti rispetto a quanto veniva fatto nel mondo privato ed in particolare delle imprese, solo per il fatto di non avere come mission quello di generare un profitto.

Si tratta di un equivoco o di un alibi dietro al quale si sono creati meccanismi di irresponsabilità manageriale diffusa a tutti i livelli.

Nella pubblica amministrazione sembra quasi impossibile monitorare le perfomance di un collaboratore, funzionario o dirigente che sia; gli strumenti esistono, tuttavia sono le modalità di implementazione che non reggono e sono basate su un appiattimento delle differenze.

I talenti nella pubblica amministrazione esistono? E’ difficile dirlo. Oggi non esiste nessun strumento in grado di far emergere e premiare chi ha competenze e capacità e quindi eroga un servizio migliori ad altri.

La tendenza è quella di aver impoverito le persone della pubblica amministrazione non solo da un punto di vista economico (dirigenti esclusi), ma anche da un punto di vista di capacità e soprattutto di responsabilità.

Con gli stipendi livellati verso il basso, si ottengono due risultati entrambi poco soddisfacenti:

  1. Chi ha bassi livelli di performance non viene penalizzato, anzi è proprio identificabile come “quel grasso che cola” citato più volte in questi ultimi mesi
  2. Chi ha livelli sufficienti o addirittura superiori alla media non trova stimoli alla crescita ed immediatamente si adegua a diminuire i propri sforzi

Appare tuttavia evidente che un aumento verso l’alto degli stipendi in maniera indiscriminata provocherebbe analoghe conseguenze con in più un peggioramento dei conti pubblici.

Per incrementare gli stipendi occorre avere il coraggio di creare un sistema di perfomance management efficace basato su criteri oggettivi ed in grado di stimolare la crescita della qualità dei servizi offerti dalla pubblica amministrazione. Si tratta di un cambiamento culturale scomodo perché impone l’avvio di trattamenti realmente differenziati tra persone dello stesso ufficio o della stessa amministrazione. Si tratta di introdurre un livello di responsabilizzazione a partire dai dirigenti che oggi non esiste.

In altri termini è possibile aumentare gli stipendi introducendo un percorso di crescita dei lavoratori che possono garantire l’evoluzione dell’intero sistema pubblico, garantendo loro uno stimolo nel diventare partner di una pubblica amministrazione al servizio del cittadino meno burocratizzata e basata su dipendenti in grado di assumersi maggiori responsabilità.

Si tratta di una soluzione banale e semplicistica? Probabilmente si, ma è così banale che le resistenze diffuse ne impediscono una regolare applicazione. Aumentare gli stipendi si può, basta considerare tutte le conseguenze di tale scelta e non solo alcune. Chi lavora nella pubblica amministrazione oggi ha una maggiore difficoltà di inserimento nel mercato del lavoro anche a causa di una pessima (e molte volte giustificata) considerazione di professionalità che ruota attorno ai dipendenti pubblici (non solo dirigenziali). Avere un sistema di performance management serio consentirebbe anche al pubblico dipendente di confrontarsi con pari percezione del privato all’interno del mercato globale del lavoro.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...